Skip links

Anteo di Milano: “Al buio per vedere la musica”

Un'esperienza completamente dedicata al suono e alla musica...

Grande successo per l’evento di lunedì 23 gennaio all’Anteo di Milano “Al buio per vedere la musica”, sold-out in pochi giorni, pensato e condotto da Franco Mussida.

La presentazione del nuovo formato del disco in Pure Audio Blu-Ray “Il Pianeta della Musica e il viaggio di Iòtu” ha riscosso ampia approvazione da parte degli spettatori, che hanno potuto vivere un’originale esperienza, al buio, completamente immersi all’interno del suono.

Alimentare la dimensione sonora: l’inizio dello spettacolo

L’evento è iniziato con una breve introduzione dell’artista Franco Mussida e di Lorenzo Cazzaniga, curatore del mix immersivo dell’album. In questa occasione, l’autore ha condiviso con il suo pubblico una profonda riflessione sull’importanza di riprendere e di alimentare la capacità di vivere la dimensione sonora nella sua forma naturale, nel suo insieme.
Da questo pensiero nasce il progetto di “Al buio per vedere la musica”, grazie al quale gli spettatori hanno potuto assistere personalmente ad un’esperienza inedita di ascolto immersivo, priva di distrazioni visive.

Si spengono le luci…

A conclusione degli interventi di Mussida e Cazzaniga, è cominciata la vera magia: luci spente, completamente immersi nella bellezza sonora dei brani di “Il Pianeta della Musica e il viaggio di Iòtu”. Un’esperienza di ascolto immersivo composta dall’ascolto dell’intero album accompagnato da intermezzi scritti dall’autore che hanno legato le fasi salienti del viaggio. Emozionanti racconti ed elementi narrativi, sussurrati in diretta dall’artista. Un ulteriore tocco di originalità ad un’esperienza già completamente inedita: è il coinvolgimento personale dell’autore durante l’ascolto, mentre si sono susseguiti i brani del suo ultimo album, che ha suscitato nel pubblico un connubio di sorprendenti emozioni, quelle emozioni che lasciano il segno, che toccano il cuore, la mente e tutti i sensi.

Un evento che ha lasciato un segno in ogni spettatore

La commozione e l’emozione degli spettatori è stata per Moondays un’ulteriore conferma che – come ribadito dallo stesso autore dell’opera durante la sua presentazione – il linguaggio puro del suono e della musica è in grado di stimolare l’immaginazione di ognuno di noi, condurre ogni spettatore verso una dimensione nuova, oltre i limiti dello spazio e del tempo.

Ultimi articoli

Archivio

Tag Cloud

Non c'è ancora contenuto da mostrare.